L’argilla tra le mani

Ariano è oggi “Città della Ceramica” per il suo stretto legame con l’antica arte della maiolica, tradizione millenaria che caratterizza da sempre l’economia della cittadina irpina ed è una delle manifestazioni più interessanti dell’artigianato artistico locale. Con l’intento di tutelare e valorizzare questa produzione viene inaugurato nel 1991, all’interno di Palazzo Forte, il Museo Civico e della Ceramica. Collegato a questo museo, nel 2015, presso l’ex Ospedale di San Giacomo, nasce il Polo didattico del Museo civico e della Ceramica, un inedito percorso museale con strutture e materiali che permettono di far conoscere, attraverso sperimentazioni e dimostrazioni pratiche, i principi e le fasi fondamentali della realizzazione del manufatto ceramico.

Museo Civico e della Ceramica

Ad Ariano Irpino l’antico palazzo Forte ospita oltre 250 ceramiche per raccontare le vicende di un’antica arte che mescola l’acqua, il fuoco, la terra e l’aria ai colori e alla maestria dei ceramisti arianesi.

Con un pugno di argilla e un po’ di fuoco, gli artigiani arianesi sono riusciti a esprimere durante i secoli il loro estro inventivo, hanno sagomato utensili con grande fantasia e hanno forgiato numerose tipologie di manufatti.

La raccolta di maioliche custodite ripercorre un arco temporale che va dal secolo XIV alla metà del XX. Alla raccolta di maioliche si affiancano i reperti ceramici databili al IX secolo e alla fine del XIII secolo, provenienti da sporadici ritrovamenti e da scavi condotti nelle zone limitrofe. La ceramica di Ariano è una ceramica popolare, frutto di maestri lontani dalle mode e dalle correnti pittoriche. Le ceramiche arianesi raccontano, con poche semplici pennellate, gli usi, i costumi, le abitudini e i valori di un popolo e del suo territorio. Per secoli i “mastri” ceramisti arianesi hanno forgiato brocche, piatti, fiasche e boccali. I colori sono solari: il bianco, il giallo ocra, il verde ramina, il blu cobalto, il marrone di manganese. È nei secoli XVI-XXIX che la ceramica arianese fiorisce, in particolar modo, è il settecento il secolo d’oro in cui sono attestate ben undici fornaci alle quali sono addetti circa 29 artigiani con diverse mansioni: faenzari, cretai, rovagnari, stovigliai.

I settecenteschi maiolicari arianesi hanno prodotto originali modelli decorativi: lucerne antropomorfe e zoomorfe, brocche e fiasche a segreto, estrose saliere, scaldamani a foggia di scarpetta, grandi piatti e piatti devozionali. Museo della ceramica-polo didattico e scientifico, un’insolita guida narrativa tra l’arte del fuoco.

Via R. D’Afflitto 14, Palazzo Forte – 83031 Ariano Irpino

 0825875207

 museodellaceramica@libero.it

 http://www.comune.ariano-irpino.av.it/pagina2235_i-musei.html

Orari e giorni di apertura

  • (feriali) 9.00 – 13.00 (festivi) 9.00 – 13.00 Resta chiuso il Lunedì
  • Museo Ariano Irpino
  • Museo Ariano Irpino

Polo Didattico e Scientifico del Museo Civico e della ceramica

L’ex Ospedale San Giacomo è ubicato ai margini del quartiere storico della produzione ceramica arianese, il cosiddetto Borgo Tranesi. L’ex Ospedale ospita oggi il museo della ceramica-polo didattico e scientifico. L’esposizione adotta una classificazione tematica: i manufatti illustrano aspetti della storia della comunità e del territorio; raccontano le vicende di un’antica arte che mescola l’acqua, il fuoco, la terra e l’aria ai colori e alla maestria dei ceramisti arianesi. Con un pugno di argilla e un po’ di fuoco, gli artigiani sono riusciti a esprimere durante i secoli il loro estro inventivo, hanno sagomato oggetti con grande fantasia e hanno forgiato numerose tipologie di manufatti.
La finalità del Museo è documentare l’antica produzione ceramica di Ariano, di valorizzare e conservare il patrimonio del sapere tecnico, individuale e collettivo, di custodire gli strumenti e i prodotti del lavoro del ceramista.
Il Museo ha creato nel tempo una rete di scambi e conoscenze tecniche con altre realtà museali nazionali e internazionali ponendo attenzione agli aspetti scientifici, didattici e divulgativi.
L’esposizione è arricchita da ricostruzioni di archeologia sperimentale: manufatti, strumenti, fornaci e ambientazioni.
I manufatti originali s’integrano con la copia di oggetti riprodotti con l’ausilio del 3D, strumenti per la lavorazione della ceramica, fornaci ricostruite in scala reale per ogni epoca. L’esposizione è corredata di didascalie che illustrano gli oggetti in rapporto al tema e da pannelli informativi relativi ai temi trattati.

Via Tranesi, 7A, 83031 Ariano Irpino AV

 0825xxxxxxx

 museodellaceramica@libero.it

 http://www.comune.ariano-irpino.av.it/musei/civico/

Orari e giorni di apertura

  • dal martedì alla domenica 09.00 – 13.00